Ma quindi bianco nero o colori?


Sembra un po’ la domanda è nato prima l’uovo o gallina, ma per un fotografo di matrimonio è una scelta fondamentale capire se una foto da il meglio di se a colori o in bianco e nero.
E’ preferibile usare il colore o il B/W per le foto del Giorno del si? Nel mio portfolio di fotografo di nozze vedrete in una medesima galleria fotografica di un matrimonio sia foto a colori che desaturate. Le foto a colori rendono meglio tutta la grandiosità di un giorno così importante? Il bianco e nero è più “conceptual”? Il bianco e nero fa più reportage? Ma il bianco e nero toglie vivacità? Sono tutte domande lecite da porsi.

In questa immagine per esempio il B/N non toglie vivacità.

Una foto così potrebbe essere stata scattata ad un concerto più che ad un matrimonio.

Ed una foto così? Impossibile da non fare a colori.

Ma quindi? Quindi gli sposi, badando ai consigli del fotografo di nozze, devo lasciarsi ispirare dalla foto. Sarà la foto stessa a “parlargli” ed a suggerirgli la scelta giusta. Certo se avete organizzato il matrimonio secondo un determinato wedding theme, per esempio basato su una scelta bicolor o su un colore eccentrico, il bianco e nero potrebbe sembrarvi uno spreco, ma infondo il tema di nozze è così importante quando si tratta dei ricordi di un giorno così.

Non dimenticate di seguirci su questo blog per tanti aggiornamenti dal mondo della fotografia di nozze, e curiosate tra i vecchi post per tante idee di nozze da copiare.

Be Sociable, Share!

Leave a comment


Dove opero come fotografo di matrimonio.
Google Plus
Juan Carlos Marzi – Fotografo matrimoni e non solo

Juan Carlos Marzi nasce in Colombia nel 1987 e scopre la fotografia all’età di 15 anni.
Studia Fotografia Digitale, Professionale e Immagine Pubblicitaria.
Dopo aver lavorato come fotografo di marketing per Graphistudio S.p.A., inizia a lavorare come fotografo per matrimonio nel ruolo di assistente di importanti professionisti in Italia e in Spagna.
Fotografo professionista dal 2011, può vantare collaborazioni di primaria importanza sia in Italia, sia a livello internazionale. Il suo stile, che si rifà ai principi del reportage giornalistico, riesce a cogliere in modo originale la naturale spontaneità e il romanticismo proprio della scena.
Il suo bagaglio formativo è arricchito dalla frequenza di corsi e workshop presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.