read more...

Le 38 foto di matrimoni più belle al mondo


La buona notizia è che queste foto di matrimonio sono veramente bellissime, la cattiva notizia è che non sono io il fotografo di matrimoni che le ha realizzate… ma ci sto lavorando!

Lo spunto per questo articolo me l’ha dato un articolo del “Queste 38 foto di matrimonio sono fra le più belle del mondo (e non potrete smettere di guardarle)”. La famosa rivista online veramente non esagera a definire queste foto di nozze realizzate negli angoli più disparati del pianeta come le più belle al mondo. Quello che però vorrei fare io è capire perchè sono così belle?

Potreste dire perchè sono state realizzate in location mozzafiato. Vero… Potreste dire sono matrimoni per i quali si sono spesi budget importanti. Potrebbe essere… Ma la risposta più giusta è che questi scatti sono così belli perchè sono estremamente spontanei e naturali. Ripassatevi ancora una volta la gallery messa insieme da Huffington Post e non ci troverete, salvo qualche scatto dei dettagli, una foto in posa.

Guardando queste foto sembra di guardare il reportage di un fotoreporter più che le scene di un matrimonio, in altre parole parliamo di fotogiornalismo di nozze o wedding photojournalism lo stile che fin dall’inizio della mia carriera ho deciso di portare avanti.

Tutti gli scatti sembrano essere “rubati” e la maggior parte delle persone non sembrava essersi accorta dell’intervento del fotografo. Non ci sono foto in posa (come già detto) ma soprattutto tutti i momenti della cerimonia sembrano (ed effettivamente lo sono) meritevoli di essere ripresi nell’ottica di creare il racconto del giorno del si. Bambini, cani, invitati annoiati: tutto deve trovare il suo spazio all’interno della storia.

Ricapitoliamo quindi i passaggi fondamentali, o meglio il vademecum del fotoreporter di matrimonio:

  • viaggia leggero, ovvero con l’attrezzatura che gli è strettamente necessaria
  • lavora da solo e se proprio si dota di un assistente lo fa solo per i matrimoni per matrimoni particolarmente affollati
  • tende a portare avanti una postproduzione delle foto dei matrimoni il più essenziale possibile
  • evita le pose ed evita soprattutto di bloccare gli invitati per realizzare una foto in posa
  • è associato (ma non è detto) all’associazione WPJA che riunisce in modo internazionale tutti i fotografi di matrimoni fotogiornalisti.

E voi cosa ne pensate? Sono le location o l’emozione a rendere uniche le foto di un matrimonio?

Leave a comment


Dove opero come fotografo di matrimonio.
Google Plus
Juan Carlos Marzi – Fotografo matrimoni e non solo

Juan Carlos Marzi nasce in Colombia nel 1987 e scopre la fotografia all’età di 15 anni.
Studia Fotografia Digitale, Professionale e Immagine Pubblicitaria.
Dopo aver lavorato come fotografo di marketing per Graphistudio S.p.A., inizia a lavorare come fotografo per matrimonio nel ruolo di assistente di importanti professionisti in Italia e in Spagna.
Fotografo professionista dal 2011, può vantare collaborazioni di primaria importanza sia in Italia, sia a livello internazionale. Il suo stile, che si rifà ai principi del reportage giornalistico, riesce a cogliere in modo originale la naturale spontaneità e il romanticismo proprio della scena.
Il suo bagaglio formativo è arricchito dalla frequenza di corsi e workshop presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.