Gipsy’kids


Agosto 2013
Serbia

Ero a Valjevo per un lavoro, testimoniare le attività di volontariato svolte dalla Caritas .
In una delle tante attività vi era il gioco con i bambini del posto, bambini serbi delle scuole elementari .
Già il primo giorno, nel parco dove veniva svolta questa attività, vennero a curiosare loro … indossavano stracci, scarpe qualche numero più grande e molta sporcizia .
Il più grande, forse 10 anni, gestiva il gruppetto, tenendo d’occhio gli altri , erano davvero piccoli .. ma avevano occhi grandi e molto curiosi .
Uno di loro, il più piccolo si avvicinò per primo, rubò il pallone e si mise a giocare da solo, lo seguirono altri due, quando cercammo un contatto sparirono .
Il giorno dopo tornammo e loro erano già li’, ve ne erano di nuovi, con biciclette più grandi di loro ma che guidavano con disinvoltura .
Come il giorno prima, studiarono la situazione e poi si avvicinarono, così i volontari della Caritas prepararono degli aerei di carta e qualche giochino, sempre di carta .
Li fecero volare, li tirarono verso il cielo inseguendoli, con gioia e allegria, a qualcuno venne insegnato come usarli … sembrava avessero scoperto un mondo nuovo , fatto di sogni che volano e da inseguire .
Nei giorni successivi si presentarono regolarmente al parco, ogni tanto li si incontrava fuori dal market a chiedere le elemosina, ma in quella situazione non davano confidenza .
L’ultimo giorno tornammo solo per loro, per salutare quei bambini già cresciuti, con occhi grandi e curiosi, un connubio tra tristezza e voglia di vivere, un pizzico di arroganza data dalla vita in strada e un visibile istinto di sopravvivenza .
Sono rimasti nel cuore, ci hanno insegnato qualcosa, ci han fatto tornare bambini e allo stesso tempo adulti un po’ più responsabili e con occhi un po’ più aperti, scoprendo che a volte basta un areoplano di carta per divertirsi .

” Questi bimbi sono pieni di dignità, portano i loro stracci come manto di ermellino . ”

Potrebbe anche interessarti l’intera sezione Street Photography.

Condividi questo post!

Leave a comment


Dove opero come fotografo di matrimonio.
Google Plus
Juan Carlos Marzi – Fotografo matrimoni e non solo

Juan Carlos Marzi nasce in Colombia nel 1987 e scopre la fotografia all’età di 15 anni.
Studia Fotografia Digitale, Professionale e Immagine Pubblicitaria.
Dopo aver lavorato come fotografo di marketing per Graphistudio S.p.A., inizia a lavorare come fotografo per matrimonio nel ruolo di assistente di importanti professionisti in Italia e in Spagna.
Fotografo professionista dal 2011, può vantare collaborazioni di primaria importanza sia in Italia, sia a livello internazionale. Il suo stile, che si rifà ai principi del reportage giornalistico, riesce a cogliere in modo originale la naturale spontaneità e il romanticismo proprio della scena.
Il suo bagaglio formativo è arricchito dalla frequenza di corsi e workshop presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.