Fotografi abusivi ed il furto di foto.


Continuano i nostri post di rivolta contro i fotografi abusi ed improvvisati. Post che difendono sia la categoria sia che consento agli sposi di difendersi da questi sedicenti professionisti evitando fregature pressochè certe. In questo articolo proporremo nuovi post per insegnare alle coppie a riconoscere i professionisti improvvisati.

Nei nostri post abbiamo già parlato di fotografi senza partita iva o con comprovata “incapacità tecnica” in questo post ci concentreremo su quei fotografi che rubano le foto ai colleghi.

Regola 1: lo stile.

Se nel portfolio di un fotografo vedete foto dagli stili molto differenti ad esempio stile vintage, stile pulito e vibrante e stile wedding reportage è probabile vengano da tre fotografi distinti.

Regola 2: occhio ai social networks

Se sui profili social di un fotografo esistono foto molto migliori o molto peggiori rispetto a quelle presenti sul sito o sul portfolio ufficiale, allarmatevi.

Regola 3: chiedete recensioni e referenze.

Allarmatevi in questo senso se non vi vengono fornite.

Regola 4: l’incontro personale.

Organizzate un incontro personale con il fotografo, in quanto la prima sensazione a pelle è molto importante. Se già la chimica iniziale non è buona, questo non è un segnale incoraggiante. Se inoltre il fotografo non si presenta con un portfolio cartaceo di lavori, girate i tacchi e procedete nella vostra lista di fotografi da incontrare.

Regola 5: chiedete di vedere le foto di un intero matrimonio.

Questo in particolare è un punto che come fotografo di matrimoni mi coinvolge molto. Se nel portfolio vedete solo le foto in posa degli sposi, niente banchetto o niente party finale è probabile che:

  • Il fotografo non sia disponibile per l’intero evento
  • Vi chieda un extra per ogni momento che non riguardi strettamente i preparativi degli sposi e la cerimonia
  • Non abbia le competenze e lo stile per immortalare dei momenti così vivi come i festeggiamenti finali.

Regola 6: Googleate

Usate Google per capire la reputazione online del fotografo o per, attraverso l’apposito strumento di Google Images, capire se le sue foto sono state prese dai portfolio di altri fotografi.

Condividi questo post!

Leave a comment


Dove opero come fotografo di matrimonio.
Google Plus
Juan Carlos Marzi – Fotografo matrimoni e non solo

Juan Carlos Marzi nasce in Colombia nel 1987 e scopre la fotografia all’età di 15 anni.
Studia Fotografia Digitale, Professionale e Immagine Pubblicitaria.
Dopo aver lavorato come fotografo di marketing per Graphistudio S.p.A., inizia a lavorare come fotografo per matrimonio nel ruolo di assistente di importanti professionisti in Italia e in Spagna.
Fotografo professionista dal 2011, può vantare collaborazioni di primaria importanza sia in Italia, sia a livello internazionale. Il suo stile, che si rifà ai principi del reportage giornalistico, riesce a cogliere in modo originale la naturale spontaneità e il romanticismo proprio della scena.
Il suo bagaglio formativo è arricchito dalla frequenza di corsi e workshop presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.