Album di nozze: l’importanza dell’impaginazione


A breve inizia la nuova stagione, che mi porterà in giro per l’Italia, ma soprattutto nel Triveneto. Ci sono ancora molte richieste per questo 2017 che tarda a svegliarsi, e molte coppie se la prendono “comoda”. Nel frattempo alcune coppie dello scorso anno stanno aspettando l’Album di nozze . E’ per me fondamentale come fotografo di matrimoni consegnare un Album che rispecchi le volontà della coppia, che sia ” personale ” . E così nasce un ” confronto ” con la coppia stessa, si scelgono le immagini insieme, le si confronta e si raggiunge un risultato pensato insieme.

Per creare l’Album è fondamentale l’impaginazione, un lavoro che porta via molto tempo, perchè si devono selezionare le immagini e “prepararle” per l’album. La tecnica di stampa gioca molto, perchè ognuna deve avere colori e bianco e nero diversi, in base alle ” caratteristiche ” della stampa. Una volta ” preparate ” ad hoc vengono ” importate nel software giusto per l impaginazione. Essendo la mia fotografia molto ” semplice ” ed ” istintiva “, cerco di valorizzare le foto creando un impaginato altrettanto semplice. Prediligo mettere una foto per pagina, lasciando un po’ di bordo bianco come passepartout, quasi come fosse incorniciata . Ogni foto deve raccontare un istante o un momento dell’evento. Alcune però sono belle da vedere a tutta pagina, altre, non meno importanti, come i dettagli del ristorante, o le foto più classiche con i parenti, vicine e mai ” troppe ” , in modo da non ” fermare ” il corso della storia che voglio raccontare . Non uso nessun ” effetto speciale “, composizoni strane o colori come sfondo . Solitamente la foto di gruppo prende due pagine, in modo da poter riconoscere tutti gli invitati. E’ importante mettere vicino foto che ” stiano bene ” una vicino all’altra, a colori o in bianco e nero, in modo da non ” interrompere ” la lettura. E questo si chiama Editing.

E così si parte dalla ” foto copertina “, solitamente a tutta pagina, scelta con cura per non deludere gli sposi, per proseguire con i preparativi dello sposo, della sposa, l’entrata in chiesa, le foto coi parenti più stretti, l’uscita con il lancio del riso, un po’ di foto degli sposi e qualche dettaglio del ristorante quando ancora nessuno è a tavola. Il taglio della torta ed i brindisi,per conludere con qualche foto della festa. Solitamente consiglio di selezionare dalle 60 alle 80 foto, per non far diventare l’album ” pesante ” e lungo da guardare ( per quello ci sono le centinaia di files di alta qualità che consegno sul dvdv ) .

Sfogliando l’album bisogna avere l’impressione di leggere una storia, con foto emozionanti che risveglino nella coppia la felicità del momento.

Be Sociable, Share!

Leave a comment


Dove opero come fotografo di matrimonio.
Google Plus
Juan Carlos Marzi – Fotografo matrimoni e non solo

Juan Carlos Marzi nasce in Colombia nel 1987 e scopre la fotografia all’età di 15 anni.
Studia Fotografia Digitale, Professionale e Immagine Pubblicitaria.
Dopo aver lavorato come fotografo di marketing per Graphistudio S.p.A., inizia a lavorare come fotografo per matrimonio nel ruolo di assistente di importanti professionisti in Italia e in Spagna.
Fotografo professionista dal 2011, può vantare collaborazioni di primaria importanza sia in Italia, sia a livello internazionale. Il suo stile, che si rifà ai principi del reportage giornalistico, riesce a cogliere in modo originale la naturale spontaneità e il romanticismo proprio della scena.
Il suo bagaglio formativo è arricchito dalla frequenza di corsi e workshop presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.